Dichiarazione semplificata dei redditi: novità fiscali nel 2024

Nel 2024, una dichiarazione semplificata dei redditi sostituirà il tradizionale modello 730 precompilato, soprattutto per lavoratori dipendenti e pensionati. Questa transizione è parte della riforma fiscale promossa dal governo Meloni. Se i risultati della sperimentazione condotta dall’Agenzia delle Entrate saranno positivi quest’anno, il nuovo sistema potrebbe venire confermato e esteso nei prossimi anni.

Per i dipendenti e i pensionati, coloro che opteranno per la dichiarazione semplificata avranno la possibilità di confermare i dati forniti dall’Agenzia delle Entrate oppure di modificarli, se necessario, in modo individuale. Anziché compilare un modello, i contribuenti troveranno una tabella già redatta che potranno eventualmente modificare. In questo modo, chi opta per la dichiarazione semplificata potrà completare il processo direttamente online, senza dover stampare documenti cartacei o altri moduli.

Le informazioni fiscali saranno accessibili tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate, e le verifiche rimarranno invariate: chi conferma i dati evita controlli, mentre le modifiche saranno soggette a verifica.

A partire dal 30 aprile 2024, l’Agenzia delle Entrate renderà disponibili ai contribuenti interessati le informazioni in suo possesso tramite l’area personale del sito web dell’Agenzia. Questo riguarderà principalmente i pensionati e i lavoratori dipendenti, nonché coloro che percepiscono un reddito assimilato a quello da dipendente. Per i titolari di partita IVA, che devono presentare il modello Redditi, verrà resa disponibile in via sperimentale una dichiarazione precompilata.

Leggi anche...
Le Fonti TV – L’opinione di Marcotti
Imprese d'Eccellenza
Non sono state trovate imprese
Le Fonti TOP 50 2023-2024
Approfondimento – Diritto Penale Tributario
Le Fonti Legal – Luglio-Settembre 2023
Speciale Fisco 2023
I più recenti
Mutuo, interessi passivi: di cosa si tratta e come funzionano
Modello 730 precompilato, aggiornamenti e scadenze
Comuni e Imu 2023: aggiornamenti e obblighi
Assegno unico, le scadenze per aggiornare l’ISEE ed evitare importi bassi

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito fiscale.